top of page

Antologia di Spoon River, l'attualità del caustico Edgar Lee Masters 19/2/2024


Mucche a riposo sulla spiaggia di Goa

Antologia di Spoon River, di Edgar Lee Masters, è uno dei testi più caustici contro il puritanesimo e i benpensanti. Fatto pubblicare in Italia da Cesare Pavese e tradotto da Fernanda Pivano, il libro è stato reso popolare dal musicista Fabrizio de André che nel 1971 basò il suo album “Non al denaro, non all’amore né al cielo” proprio sulle poesie di Lee Masters. È la storia di un villaggio narrata attraverso la spietata voce dei morti che lo hanno abitato: brevi epitaffi che ciascuno si è scritto di proprio pugno dall’aldilà. Vi si trova il dottor Iseman, che alla laurea giura coraggio e saggezza ma poi truffa tutti con l’elisir di giovinezza. Il diacono Taylor, uomo di chiesa e proibizionista, che confessa di essere morto di cirrosi epatica per aver bevuto di nascosto. Il direttore Whedon che sa «vedere ogni aspetto di qualunque questione; parteggiare per tutti», «pervertire la verità, sfruttarla, usare i grandi sentimenti e le passioni degli uomini a scopi bassi» per poi ritrovarsi a giacere «vicino al fiume dove sbocca la fogna, e scatole vuote e immondizie finiscono, e si nascondono gli aborti». Selah Lively, «alto cinque piedi e due pollici» sbeffeggiato da tutti per la sua statura ma poi diventa giudice e si prende la propria perfida rivincita: «Be’ non vi par naturale che gliel’abbia fatta pagare?». E c’è il galeotto Knowlt Hoheimer che, per uscire dal penitenziario, si arruola e in guerra è subito ucciso. E la prostituta Aner, cui chiesero come aveva cominciato a fare la vita e lei lo spiega così: «Immaginate che un ragazzo rubi una mela dal cesto della drogheria, e tutti si mettano a chiamarlo ladro, il giornalista, il prete, il giudice, tutti - ladro, ladro, ladro, dovunque vada. E non possa trovar lavoro, né guadagnarsi il pane se non rubando: ebbene quel ragazzo ruberà». Troviamo Barry Holden, che assiste al processo al dottor Duval per aver ucciso la sua amante incinta, poi torna a casa e uccide a sua volta la moglie incinta. Ma c’è anche Minerva Jones, la poetessa guercia, derisa, fischiata e schernita, stuprata e lasciata morire. Insomma, pubblicato a Chicago nel 1915, il libro pare essere stato scritto ieri.

Edgar Lee Masters, “Antologia di Spoon River”, Einaudi, 1993.

(L'Adige 19/2/2024)


Maurilio Barozzi LA BIBLIOTECA DI BABELE  L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti  Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige

Maurilio Barozzi

LA BIBLIOTECA DI BABELE

L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti

Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige


留言


bottom of page