top of page
  • Maurilio Barozzi

Il calcio degli scrittori brasiliani 12/12/2022


Mucche a riposo sulla spiaggia di Goa

E così i brasiliani sono stati eliminati dal mondiale di calcio, ancora un volta. Dopo aver conquistato il quinto titolo mondiale di calcio nel 2002, hanno dovuto fare i conti con un digiuno di titoli lungo almeno 24 anni, finora il più consistente della loro storia con quello dal 1970 al 1994. E quando arrivano le sconfitte, gli scrittori cercano di lenire il dolore loro e del loro popolo imboccando la strada dell’elegia. Questi racconti di calcio brasiliano “Undici in campo” sono stati raccolti in antologia da Flavio Moreira da Costa e raccontano il calcio così come lo vivono i brasiliani. E forse la genesi intende rispondere all’accusa che rilancia lo stesso Moreira da Costa: «Gli scrittori brasiliani sono stati accusati di non trattare bene il tema, o semplicemente di ignorarlo. Dov’è il romanzo sul pallone e sui calciatori?»

Ecco dunque questi racconti.

«Sport, danza, fenomeno; campo da gioco e campo di violenza, borsa valori per la compravendita della merce giocatori; professione e arte come opportunità di ascesa sociale; vivaio di campioni ed ex campioni, vedette di ieri e dimenticati di oggi; esempi, idoli e disillusioni per tutta una nazione – nello strano mondo del calcio c’è di tutto. L’intero paese esulta quando la nazionale vince i mondiali; l’intero paese si avvilisce in caso di sconfitta».

E tutto ciò accade sempre, con ricorsiva, drammatica durezza nonostante ci siano sempre coscienze ad avvertire che è dal dolore della sconfitta che genera la vittoria. Che il calcio va comunque cantato come il momento di fortuna che si muove tra «il laboratorio di errori e il labirinto di sorprese». Come scrisse il poeta brasiliano Drummond de Andrade quando il Brasile fu sconfitto nel mondiale del 1966, uscendo addirittura dopo la fase a gironi: « … dopo l’ora rumorosa/ l’ora dura dello sport, senza cui non c’è premio che conforti,/ ché perdere è toccare un qualche cosa/ al di là della vittoria, è trovarsi/ in quel punto dove tutto principia/ a nascer dal perduto lentamente».


Flavio Moreira da Costa (cur.), “Undici in campo”, Edizioni e/o, 2006.

(L'Adige 12/12/2022)



Maurilio Barozzi LA BIBLIOTECA DI BABELE  L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti  Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige

Maurilio Barozzi

LA BIBLIOTECA DI BABELE

L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti

Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige













0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page