• Maurilio Barozzi

La noia tra Don De Lillo e Vasco Rossi - 16/5/2022


Mucche a riposo sulla spiaggia di Goa

Arriva a Trento Vasco Rossi. Non è più quello del 1982, che si presentò a Rovereto come un rocker di giustificate speranze e, davanti a un pubblico radioso ma contenuto, il massimo del clamore lo ottenne cantando “Cocaine” di Eric Clapton. Stavolta si esibirà in uno spazio appositamente programmato per ospitare 120 mila persone: l'apogeo dell'artista divenuto idolo raccontando il suo profondo e le sue paranoie. L'altro giorno riascoltavo un suo vecchio brano, “La noia”, e mi è venuto in mente un romanzo che Don De Lillo scrisse nel 1973: “Great Jones Street”. Una rockstar affermata e dedita a ogni eccesso che a un certo punto – nel pieno di una tournée – molla tutto e si rifugia in un appartamento a riflettere sul senso della sua vita, della sua carriera e dell'industria dello spettacolo. Un libro allucinato e crudo, non certo il migliore di De Lillo, ma che spinge a interessanti riflessioni. È una fuga dalla noia che colpisce anche le star e che può renderle apatiche. Dice a un certo punto Bucky Wunderlick, il rocker protagonista del romanzo: «Quando vedo il pubblico saltare come salta o tenersi la testa fra le mani nel modo in cui vedo che tende a stringersi la testa fra le mani, ho addosso come un senso di malinconia perché io per primo mi sento esausto di tanto movimento e vorrei proprio mettermi contro un muro e diventare assolutamente inerte». Poi il trip allucinato in Great Jones Street fino a quando le «settimane di pace assoluta» inevitabilmente finiranno. E «farò ritorno a qualunque cosa mi aspetti fuori di qui», è consapevole Bucky.

Ma non è, questa, anche l'idea contenuta nella canzone “La noia”? Una fuga alla ricerca di qualcosa di diverso e il presentimento di un ritorno, che però sarà rassegnazione: «Tornerai solo quando avrai bruciato tutto» canta all'inizio Vasco. Per poi rendersi conto che «quella noia che c'era nell'aria allora, è ancora qui. È qui che ti aspetta sai, e tu ora non puoi certo più scappare come hai fatto allora. Ora sai che vivere non è vero che c'è sempre da scoprire e che l'infinito, è strano ma per noi, sai, tutto l'infinito finisce qui». Una poesia malinconica, disincantata e struggente. Sottolineata dalle note finali al sassofono del compianto Rudy Trevisi.

Don De Lillo, “Great Jones Street” Il Saggiatore, 1997.

(L'Adige 16/5/2022)


Maurilio Barozzi LA BIBLIOTECA DI BABELE  L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti  Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige

Maurilio Barozzi

LA BIBLIOTECA DI BABELE

L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti

Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige













0 commenti

Post recenti

Mostra tutti