top of page

Magris, il confine da una stube 14/11/2022

Aggiornamento: 11 lug 2023


Claudio Magris riesce a darci un buon abbozzo della questione sudtirolese partendo da una partita di carte a tressette rovescio (cotecio, come lo chiama lui). Storia e storie, geografia, filosofia di una terra di confine, dei suoi abitanti, del sangue dell'Heimat/patria nel libro “Microcosmi” prendono le mosse dalla stube dell'albergo Herberhof di Antholz Mittertal (Anterselva di Mezzo). Così, mentre Tony cerca di fare “cappotto” al gioco dove «perde chi vince» e per questo «scimmiotta la vita», Magris ci racconta il confine da una «stube è il cuore del Herberhof, quest'ultimo lo è di Antholz Mittertal come il villaggio lo è a sua volta dell'intera valle di Anterselva, rigorosamente circoscritta rispetto al resto del mondo» anche se parte della val Pusteria. «Il nome originario della Pusteria, Pustrissa, è slavo ma essa, specie negli anni di più duro conflitto con lo Stato italiano, si è dimostrata accanita e talora torva custode della tedeschità tirolese, dell'incontaminata Heimat tra i monti». «Chiusura e mescolanza, confini tracciati e varcati. Il Tirolo vanta una verginità etnica custodita dalle montagne, endogamia e maso chiuso, perla germanica serrata nello scrigno, ma è anche valico e transito, ponte tra mondo latino e mondo tedesco. Da queste parti passava la grande strada romana che portava ad Aquileia per arrivare al Brennero e più tardi la strada d'Alemagna, percorsa dai mercanti medioevali». «Dunque corrono confini, che si oltrepassano senz'accorgersene: quello antico tra Rezia e Norico, quello tra bavaresi e alemanni, tra tedeschi e latini. Il Tirolo è tutta una frontiera, divide e unisce; il Brennero separa due stati ed è al centro di una terra sentita quale unità. Pure i nomi cambiano identità: un tempo Südtirol, termine che compare appena nel 1839, indicava il Trentino e il Tirolo era un paese che vantava tre nazioni: tedesca, italiana e ladina. Ma il Brennero, dice la geografia, è lo spartiacque fra l'Adriatico e il Mar Nero, fra le acque che con l'Adige scorrono nel mare di ogni persuasione e quelle che tramite la Drava confluiscono nel Danubio. Adriatico e Danubio, mare e Mitteleuropa continentale, i due scenari opposti e complementari della vita; il confine che li separa, e che durante una gita si varca senz'accorgersene, è un minimo buco nero che conduce da un universo all'altro».

Claudio Magris, “Microcosmi”, Garzanti, 1997.


(L'Adige 14/11/2022)


Maurilio Barozzi LA BIBLIOTECA DI BABELE  L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti  Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige

Maurilio Barozzi

LA BIBLIOTECA DI BABELE

L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti

Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige













Comments


bottom of page