top of page

Se già Pasolini conosceva Meloni 12/6/2023

Aggiornamento: 11 lug 2023


Una delle critiche più costanti che vengono rivolte a Giorgia Meloni da quando è diventata presidente del consiglio dei ministri è quella di non discostarsi dal solco tracciato dal suo predecessore Mario Draghi. Eppure, si osserva da più parti, Meloni rappresenta l’unico partito che non faceva parte della maggioranza a sostegno di Draghi. Anche i suoi provvedimenti non appaiono in alcun modo diversi rispetto a quelli dei governi che dichiarava di voler combattere. Quella rivoluzione politico-culturale che Meloni nei suoi pugnaci comizi vagheggiava, sembra essersi totalmente disciolta nel mare di un conformismo che non passa e che fagocita tutti, asservito all’unica vera ideologia contemporanea: il consumismo.

Illuminante, per cogliere la persistenza del fenomeno, è la lettura degli “Scritti corsari” di Pier Paolo Pasolini, che già a metà degli anni Settanta aveva analizzato il tratto fintamente contestatore di moltissimi comportamenti. E come in Italia tale tendenza sia assecondata - seppur sotto mentite spoglie o dichiarazioni - da tutti i soggetti politici, parti più o meno consapevoli di un unico grande gioco. È questo l’aspetto predominante della contemporaneità che relega a pura estetica l’illusione del cambiamento. Anche quella che, scrive Pasolini, si presenta «nelle forme tradizionali della destra fascista e clerical-liberale».

«È così che questi sono anni di falsa lotta, sui vecchi temi della restaurazione classica, in cui credono ancora sia i suoi portatori che i suoi oppositori. Mentre, alle spalle di tutti, la «vera» tradizione umanistica (non quella falsa dei ministeri, delle accademie, dei tribunali e delle scuole) viene distrutta dalla nuova cultura di massa e dal nuovo rapporto che la tecnologia ha istituito – con prospettive ormai secolari – tra prodotto e consumo; e la vecchia borghesia paleoindustriale sta cedendo il posto a una borghesia nuova che comprende sempre di più e più profondamente anche le classi operaie, tendendo finalmente alla identificazione di borghesia con umanità. Questo stato di cose viene accettato dalle sinistre: perché non c’è altra alternativa a tale accettazione che quella di restare fuori dal gioco».

Pier Paolo Pasolini, Scritti Corsari, Garzanti 1975.


(L'Adige 12/6/2023)


Maurilio Barozzi LA BIBLIOTECA DI BABELE  L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti  Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige

Maurilio Barozzi

LA BIBLIOTECA DI BABELE

L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti

Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige













Comentários


bottom of page