top of page

L'amore selvaggio di Rubem Fonseca 15/1/2024


Mucche a riposo sulla spiaggia di Goa

Il corpo tumefatto e senza vita di una giovane donna viene trovato sulla spiaggia di Copacabana, a Rio de Janeiro. Le indagini durano poco: identificata la ragazza morta – Heloísa Wiedecker, 21 anni –, a finire in cella è il suo compagno Paul Morel. Lui è un artista, molto più vecchio di lei, ma i due hanno intrecciato una relazione che fin dal primo momento non ha briglie. Lei gli chiede di essere picchiata, lui accetta. La prima volta prova repulsione: vomita si sente male. Ben presto però entra nella parte: i due si picchiano furiosamente e, da intellettuali, rivestono di giustificazioni estetiche quella loro perversione. Paul dice: «Picchiarla era diventata una liturgia, un rito eucaristico, una crocifissione, ricostruita con tutti i crismi... Era una specie di rendimento di grazie, lo spirito prendeva coscienza del corpo, l’uno si completava nell’altra, più o meno... Sentivo che lì c’era un passaggio, ma non saprei per dove... A un certo punto ho creduto che quella crudeltà a intermittenza ci rendesse migliori, ci redimesse…». Naturalmente non li ha resi migliori, anche se la morte di Heloísa ha responsabilità molto più complicate (che non svelerò). E il libro racconta proprio quelle.

Il romanzo è “Il caso Morel” dello scrittore brasiliano: Ruben Fonseca. L’autore, con un gioco di specchi sapiente e avvincente (due diari che si intrecciano: quello rinvenuto di Heloísa e il libro che Paul sta scrivendo in gattabuia) ci precipita nell’abisso di due amanti selvaggi che, insofferenti della società che vivono (siamo grosso modo nel 1970), sperimentano di tutto. Heloísa: «Il matrimonio istituzionalizza l’ideologia borghese della sicurezza, corrompe la vita emotiva delle persone. Non conosco una coppia felice che sia una. (…) Tutte le mogli sono frustrate» e «anche gli uomini sono infelici, soffrono nel loro imbecille ruolo d’autocrati (…) Quanto vorrei essere una donna delle caverne e preoccuparmi solo del sole e della pioggia».

Fonseca pare ammiccare a queste teorie, però alla fine ci mostra come la ricerca ossessiva della libertà (o, meglio, dell'anticonformismo) possa prendere delle vie impreviste e talvolta tragiche. Ineluttabili.

Rubem Fonseca, “Il caso Morel”, Fazi Editore, 2023.

(L'Adige 15/1/2024)


Maurilio Barozzi LA BIBLIOTECA DI BABELE  L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti  Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige

Maurilio Barozzi

LA BIBLIOTECA DI BABELE

L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti

Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige


コメント


bottom of page