top of page

L'assassino che è in me: il giallo di Big Jim Thompson 4/12/2023


Mucche a riposo sulla spiaggia di Goa

Lui, Lou Ford, la sentiva arrivare. Ma era già troppo tardi. La chiamava “la malattia” ed era l’irrefrenabile spinta a far del male. Lo aveva fatto per la prima volta da giovane, a 14 anni. Aveva abusato di una bambina. E, quindici anni dopo, eccola di nuovo: “la malattia”. “L’assassino che è in me” sembra un trattato di psicologia criminale. Considerato da Stephen King un maestro del genere, assunto da Stanley Kubrick per la sceneggiatura di un paio di film (Rapina a mano armata e Orizzonti di gloria), accostato da alcuni critici a scrittori prodigiosi quali William Faulkner e Flannery O’Connor, “Big” Jim Thompson ha introdotto nella letteratura l’elemento soggettivo di una mente nefanda. Quando fu pubblicato (1964), “L’assassino che è in me” venne ritenuto troppo crudo per la collana dei gialli Mondadori dato che racconta in prima persona le efferatezze cui si lascia andare Lou Ford. E anche per il messaggio che il romanzo veicola: non c’è salvezza su questa terra per «la nostra razza. Noi gente. Tutti noi che abbiamo iniziato la partita con la stecca storta, che volevamo così tanto e abbiamo avuto così poco, che avevamo intenzioni tanto buone e abbiamo fatto tanto male».

Dunque, inizialmente il libro venne relegato nella collana dei gialli da edicola e solo in seguito fu rivalutato. La principale abilità dell’autore è quella di consentirci di accettare la cattiveria del protagonista grazie all’elemento ironico che le fa da contorno. Lou Ford è talmente perfido che anche nelle sue espressioni più apparentemente benevole, riesce a risultare sgradevole. Lo confessa chiaramente già nelle prime pagine, quando importuna un barista con una serie di luoghi comuni noiosissimi, perfettamente cosciente di scocciarlo: «Quel tipo mi piaceva ma era troppo buono per lasciarlo così. Educato, intelligente: quei tipi sono il mio pane» dice. E avanti a rompergli le scatole a suon di amene frasi fatte. Così, una volta entrati nella sua psicologia, noi lettori siamo pronti a tutto. E lui, tra angherie, pestaggi, omicidi – “la malattia” – non ci fa mancare niente.

Jim Thompson, “L’assassino che è in me”, Fanucci, 2003.

(L'Adige 4/12/2023)


Maurilio Barozzi LA BIBLIOTECA DI BABELE  L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti  Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige

Maurilio Barozzi

LA BIBLIOTECA DI BABELE

L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti

Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige


bottom of page