top of page

Meyer la ruggine americana e le pastoie del passato 7/8/2023

Aggiornamento: 24 ott 2023


Mucche a riposo sulla spiaggia di Goa

Assuefatti da certa retorica politica, dovremmo accettare l’idea che tutto sia semplice e quanto ci accade dipende esclusivamente da noi. Così, chi non ha un lavoro è un “fannullone” e se non migra per cercarne uno è un “divanista”. Certo, ci sono pure i fannulloni e i divanisti, ma la brutalità e semplicità di tale messaggio è offensiva e presuppone l’incapacità di leggere una realtà molto più articolata di come ci viene descritta da tali beceri slogan.

Viceversa, uno spaccato di tale complessità ci è dato dal romanzo di Philipp Meyer “Ruggine americana”. Un romanzo che entra nel cuore delle scelte cruciali che aprono differenti squarci sul futuro e che sono condizionate dal contesto in cui viviamo e, talvolta, anche dal caso. Posso davvero lasciare tutto e andarmene a cercare un futuro migliore? Meyer ci racconta l’angoscia di determinate decisioni e le pastoie con cui ci influenza il nostro passato.

La vicenda si svolge a Buell, Contea di Fayette, Pennsylvania, un tempo «il centro della produzione siderurgica del paese» ridotto da «centocinquantamila licenziamenti» a un agglomerato anonimo, pieno di gente che sbarca il lunario alla bisogna. Quando il giovane Isaac decide di andarsene in California per costruirsi un futuro deve però fare i conti con il presente di quella zona: riparatosi dalla pioggia con il suo amico Poe in un’officina dismessa, i ragazzi s’imbattono in tre balordi che vogliono violentare Poe. Per difenderlo, Isaac ne uccide uno lanciandogli in testa un cuscinetto a sfera. Così la vita sua, quella di Poe - che lascia il giubbotto sul luogo del delitto e dunque è il primo sospettato dell’omicidio - e in certo senso anche quella di Harris, il poliziotto che indaga sul caso, saranno precipitate in una spirale da cui uscire diventa difficile, se non a prezzo molto caro: Poe può denunciare Isaac, che lo ha salvato? Isaac può andarsene o dovrebbe costituirsi sapendo che difficilmente potrà dimostrare la legittima difesa? E Harris, che comprende la situazione, deve fare il suo dovere e arrestare i ragazzi o lasciare che tutto scorra, in una sorta di giustizia divina?

Philipp Meyer, “Ruggine americana”, Einaudi 2014.


(L'Adige 7/8/2023)


Maurilio Barozzi LA BIBLIOTECA DI BABELE  L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti  Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige

Maurilio Barozzi

LA BIBLIOTECA DI BABELE

L'attualità letta attraverso le pagine dei miei libri preferiti

Ogni lunedì, sulla pagina culturale del Quotidiano l'Adige


bottom of page